20 giugno 2003

Post a metà.

L'umidità continua a imperversare, si suda a profusione e si smadonna in quantità. A parte questo, il resto procede a meraviglia.
L'effetto "giocattolo nuovo" sembra perdurare, quindi Tokyo continua a piacermi un sacco. Sarà che è caotica e piena di gente, sarà che m'innamoro ogni 5 secondi di una gnocchetta locale, sarà che si mangia da dio, fatto sta che mi sto innamorando della città, forse anche più di Londra se possibile.
Ieri sera mi sono visto con un ex collega giapponese di Square Europe che ora lavora in Capcom qui in Giappone. Gentilissimo come al solito, mi ha prima portato in un ristorantino a Shibuya dove abbiamo mangiato sushi (superfluo sottolineare quanto fosse buono). Tra le tante cose di cui si è parlato, mi ha un po' spiegato come si consuma il sushi, i vari tipi di pesce e conseguenza sushi disponibili in Giappone e vari fatti che ora non ricordo.
Finito di mangiare, ci siamo trasferiti in un tipico locale dove i giapponesi di solito vanno dopo cena e prima di andare a ballare/al karaoke. Lì, oltre a notare le cameriere estremamente carine, il buon Takuya mi ha fatto provare varie bevande alcoliche tipiche giapponesi, tutte ottime. L'ultima in particolare ricordava vagamente la nostra grappa, ma con una gradazione alcolica molto minore (intorno ai 20°). Di tanto in tanto Takuaya ordinava dei fattarielli da sgranocchiare davvero stuzzicanti.

Ci sarebbe un sacco da raccontare sulla chiacchiera, sul Giappone e così via, ma stasera sono davvero troppo stanco.
Giuro che aggiornerò quanto prima.

Domani si va, sempre con Takuya, a Akihabara, area elettronica di Tokyo, e poi Asakusa, area tipicamente giapponese con famosi templi e cose del genere. Che lo shopping abbia inizio!

Alla prossima.
Posta un commento
cookieassistant.com