27 gennaio 2010

Star Trek

Il film, quello nuovo di J.J. Abrams, per intenderci.

Guardare Star Trek dal punto di visto di uno come me, al quale di Star Trek non è mai fregato molto, è stata una goduria: me lo sono guardato senza le menate che sicuramente avranno attanagliato i vari Trekkie sparsi per il globo, e mi limitavo a notare con piacere le somiglianze tra i protagonisti e i personaggi della serie originale.
Ma è stata una goduria anche, e soprattutto, perché questa reinvenzione di Star Trek è un film divertentissimo, che non ha un pezzo fuori posto con tutto che gira con la precisione di un orologio svizzero: gli attori sono tutti azzeccati, belli e bravi (a parte Simon Pegg che non mi ha convinto molto nei panni di Scott e che non è particolarmente bello), la storia è ottima e fantascientifica il giusto, la narrazione ha un ritmo perfetto che cresce continuamente fino al finale col botto, ha un leggero tocco di umorismo che non guasta mai e una realizzazione visiva semplicemente sontuosa.

Insomma, ad averne di film così, ma del resto J.J. Abrams non è uno qualunque.
Posta un commento
cookieassistant.com