22 gennaio 2010

(500) Days of Summer

Come spesso accade, anche in questo caso il titolo italiano del film, "500 giorni insieme", non solo fa perdere il senso di quello originale e il suo giochino di parole, ma dice anche una fesseria visto che i protagonisti non passano 500 giorni insieme. Ma vabbè, ora che mi sono tolto questo sassolino dalla scarpa, parliamo del film.

(500) Days of Summer fa di tutto per farsi detestare, con i suoi protagonisti tanto carini e adorabili, con i suoi comprimari simpatici e dolci, con la sua colonna sonora trendy, ma non troppo, e con la sua aria da commedia romantica alternativa, e in alcuni casi ci riesce anche, ma ha anche un bel modo di raccontare quella che non è, come ci dice il regista all'inizio del film, una storia d'amore, ma una storia sull'amore. La differenza è sottile, ma molto importante, perché quella tra Tom e la Summer del titolo è la storia, raccontata da un punto di vista molto maschile, dell'innamoramento di un ragazzo che non vede nient'altro che la realizzazione del suo sogno d'amore ideale e perde di vista tutto il resto che c'è intorno.
Si potrebbe azzardare che Summer è un po' (tanto) stronza in alcune occasioni (il matrimonio, dio santo, il matrimonio!), ma, come dice una ragazza a Tom in una delle scene cancellate che si trovano tra i bonus del blu-ray, "Did she break your heart or did you break it yourself?".

Quello che avrebbe potuto essere un film insopportabile si è rivelato invece una commedia intelligente e piacevole, condita da un pizzico di cinismo e crudeltà e girata con abilità e con qualche bella trovata. Riesce persino a far sembra Los Angeles una bella città. E poi oh, c'è Zooey.
Posta un commento
cookieassistant.com