20 settembre 2010

Cosa c'è stasera in tv?

Come da tradizione, con l'arrivo dell'autunno, ricominciano sui canali americani molte delle serie televisive più famose. Io ne seguo regolarmente qualcuna, quindi facciamo il punto della situazione.

The Big Bang Theory (giunta alla quarta serie)
Situation comedy creata da Chuck Lorre, è stata una delle sorprese più piacevoli degli ultimi anni. All'inizio sembrava che gli unici spunti di interesse fossero lo stato di sfigati senza possibilità di recupero dei quattro personaggi maschili principali e tutti i riferimenti alla cultura geek moderna, ma si è poi rivelata una serie divertente e sempre piacevole. Forse ha il difetto di sfruttare troppo il personaggio di Sheldon, ma è anche vero che a volte i risultati sono semplicemente esilaranti.

How I Met Your Mother (giunta alla sesta serie)
Ho comprato e letteralmente divorato in pochi giorni i cofanetti dei DVD delle prime tre serie di questo telefilm che parte da uno spunto piuttosto interessante: un padre (voce fuori campo di Bob Saget) racconta ai suoi due figli (tra cui Lindsy Fonseca, la Katie di Kick-Ass) come ha conosciuto la loro madre. Peccato che dalla quarta serie in poi, la storia della madre faccia sempre meno capolino negli episodi, sostituita da situazioni e vicende che, nella migliore delle ipotesi, fanno appena sorridere. In particolare, Ted Mosby, il tizio alla ricerca della fantomatica madre, è uno dei personaggi più pedanti e fastidiosi degli ultimi anni. I due personaggi di Lily e Barney sono la vera forza trainante dello show, ma anche loro sono stati travolti dal fiume di mediocrità in cui sta affogando il telefilm. Seguirò le prime puntate della nuova serie, nella speranza che torni ai livelli delle prime tre, ma se la qualità sarà quella delle ultime due, la abbandonerò senza troppi rimpianti.

Chuck (giunta alla quarta serie)
Questo telefilm è partito in sordina ed è stato più volte a rischio di essere cancellato. Che sarebbe stato un vero peccato, perché Chuck è una serie discretamente originale, piacevole e divertente con due protagonisti bravi e belli (Zachary Levi e Yvonne Strahovski) e tutta una serie di personaggi comprimari che giustificano la loro presenza con gag e battute che strappano più di un sorriso. E poi c'è l'immancabile sottotrama romantica che rende il tutto più piacevole e dolce. Ah, la trama. Il Chuck del titolo è un ragazzo come tanti che lavora in un negozio di elettronica che viene assunto dal governo americano perché nel suo cervello sono stati involontariamente scaricati tutti i file riservati dei servizi segreti di tutto il mondo.

NCIS (giunta all'ottava serie)
Questo è il mio guilty pleasure. Praticamente è JAG incontra CSI: un poliziesco ambientato nel mondo della marina militare americana. Cosa rende NCIS così irresistibile? I personaggi sono tutti interessanti a loro modo, loro relazioni credibili e i dialoghi sono scritti con mestiere e bravura e sopperiscono alle non sempre irreprensibili trame dei vari episodi. Alla fine la risoluzione dei casi è moderatamente interessante, quello che mi prende è il veder crescere i personaggi, e finora gli autori sono stati bravissimi sotto questo punto di vista.

Glee (giunta alla seconda serie)
Questo lo seguo per modo di dire, visto che ho tutta la prima serie ancora da vedere, ma visto che la seconda inizia a giorni, mi sembrava giusto parlarne. È un musical sulla falsariga di High School Musical, ma senza le coreografie elaborate del film Disney. Prima o poi lo guarderò, giuro, ma intanto mi godo questo filmato meraviglioso.

Questi sono i telefilm che seguo che stanno per ricominciare, di quelli conclusi da poco (tipo True Blood), attualmente in corso o che riprenderanno più avanti ne parlerò (forse) un'altra volta.
Posta un commento
cookieassistant.com