20 dicembre 2009

Go Speed Racer, Go Speed Racer Go!

Il modo migliore per capire che genere di film è Speed Racer è ascoltare la canzone che accompagna i titoli di coda.

La deriva cazzara dei fratelli Wachowski iniziata con la trilogia di The Matrix continua in questo Speed Racer, ispirato al cartone animato giapponese che in Italia si chiamava, se la memoria non mi inganna, Mach 5 e che tra parentesi a me piaceva un sacco. Però, a differenza di The Matrix (in particolare gli ultimi due), i Wachowski hanno la buona creanza di non prendersi mai sul serio in Speed Racer, quindi tutte la assurdità, le esagerazioni e i pessimi dialoghi che ci rifilano strappano più di un sorriso, voluto o non che sia.
Speed Racer è un tripudio di colori e immagini ultradinamiche con una storia che più debole e insulsa non si può, ma alla fine chi se ne fotte, è talmente sopra le righe e cinetico dal punto di vista visivo che il resto passa totalmente in secondo piano. Le gare, tutte rigorosamente realizzate in ottima grafica computerizzata, sono quasi perfette nella coreografia e nella realizzazione tecnica e lasciano davvero a bocca aperta.

Non entrerà mai nella storia del cinema, ma a me Speed Racer ha fatto divertire come un bambino. A 1080p su un plasma da 42" poi è davvero uno spettacolo per gli occhi.
Posta un commento
cookieassistant.com