22 novembre 2009

Il re degli sfigati

Ovvero King Dork, scritto da Frank Portman. Gli appassionati di musica avranno sicuramente riconosciuto questo nome, dato che non è altri che Dr. Frank, il leader dei Mr. T Experience.

Il protagonista di King Dork è Tom, un adolescente agli occhi dei suoi coetanei un po' sfigato, con un solo amico, che è anche l'unico altro membro della sua band, un'incapacità monumentale di rapportarsi con l'altro sesso, una madre e un patrigno cresciuti nel mito di "The Catcher In The Rye" ("Il giovane Holden" in italiano), una sorella insopportabile, un padre morto quando lui era piccolo e tutti i problemi classici di un adolescente moderno.
Proprio The Catcher In The Rye, la copia annotata di proprietà del padre di Tom per la precisione, darà inizio a una serie di eventi che cambieranno la sua vita, lo porteranno a conoscere meglio suo padre di cui non sa praticamente niente e, inaspettatemente, gli riveleranno il segreto di come fare colpo su ragazze, per citare il libro, "semi-fighe".

King Dork è una lettura piacevolissima, che riporta al tempo della nostra vita in cui tutto sembrava così tremendamente difficile, ma anche molto più semplice. Ricorda le prime cotte, le prime esperienze sessuali, sia quelle vere che quelle che eravamo convinti che lo fossero, i meccanismi di accettazione e rifiuto tra coetanei, le difficoltà di rapportarsi con gli adulti e i nostri genitori. Ci sono passi che fanno ridere di gusto ad alta voce, anche quando vi trovate su un treno inglese e attirate gli sguardi straniti degli altri passeggeri, e ce ne sono altri che fanno riflettere. È uno splendido affresco della vita dei licei americani che, per citare il libro, sono "the penalty for transgressions yet to be specified."
È un bellissimo libro, che sorprende e appassiona perché è divertente, ma soprattutto perché è racconta una storia reale e non artefatta.
Posta un commento
cookieassistant.com