2 giugno 2010

Anvil! The Story of Anvil

Nel 1984 quattro gruppi heavy metal fecero un tour promozionale in Giappone. Di quei quattro, Scorpions, Bon Jovi e Whitesnake diventarono famosi in tutto il mondo, mentre il quarto, gli Anvil del titolo, no.

Inizia così questo documentario sugli Anvil, riconosciuti dai loro colleghi come un gruppo musicale con una grande influenza sul genere, ma che non raggiunse mai la fama internazionale che sembrava meritare. Il regista Sacha Gervasi, anche autore del soggetto di The Terminal e fan della band, segue i due fondatori del gruppo, Steve "Lips" Kudlow e Robb Reiner, nella loro ricerca disperata di quel sogno di gloria inseguito da ormai circa trent'anni. Amici fin dall'adolescenza e ancora parte degli Anvil, Kudlow e Reiner non hanno mai smesso di tentare di sfondare sul serio, nonostante i ripetuti fallimenti. Il documentario ce li mostra nella loro vita di tutti giorni a casa in Canada, li segue in un disastroso tour europeo, fino alla registrazione di un nuovo album, la ricerca di un'etichetta disposta a pubblicarlo e un nuovo concerto a un festival heavy metal in Giappone.

Anche se qualche dubbio sul fatto che sia interamente reale c'è, Anvil è un documentario con un cuore, per molti versi simile a The Wrestler. Se all'inizio è naturale provare compassione per due uomini di mezza età ai quali il buon senso suggerisce ormai da tempo di appendere chitarra e bacchette al chiodo, andando avanti è impossibile non ammirare la determinazione e, perché no, l'ingenuità con la quale Kudlow e Reiner, amici da più di trent'anni, non mollano e continuano a inseguire il loro sogno, convinti che le speranze non abbiano una data di scadenza. Anvil ha dei momenti di umorismo genuino, ma riesce anche a commuovere con momenti di sentimentalismo certamente telefonato, ma che non mancano di colpire.

Nota di colore: Tiziana, la manager italiana del disastroso tour europeo, che parla un inglese pessimo, ma che bestemmia in italiano in più di un'occasione. Da applausi.
Posta un commento
cookieassistant.com