16 agosto 2012

Brave

Quando uscì Cars 2, molti dei commenti sottolinearono come quel film, molto criticato da più parti, era sembrato un modo facile di fare soldi col merchandising per finanziare progetti più sperimentali e avventurosi. Tra quei progetti fu incluso Ribelle - The Brave, appena uscito nelle sale inglesi e previsto per il 5 settembre in Italia, visto al tempo come un film coraggioso e diverso dal solito. Chissà se gli autori di quei commenti la pensano alla stesso modo dopo aver visto il nuovo lavoro della Pixar, perché a me è sembrato un film molto tradizionale.

La protagonista di Brave è Merida, la principessa figlia dei regnanti di Scozia durante un non meglio precisato periodo storico (azzerderei qualcosa intorno al XII o XIII secolo D.C.). La ragazza è un maschiaccio e non gradisce per niente gli obblighi che la sua posizione prevede. La madre in particolare l'ha cresciuta in previsione del giorno in cui dovrà sposare uno degli eredi degli altri clan per perpetuare la tradizione e la vita del regno. Quando quel giorno finalmente arriva, Merida si ribella a sua madre e al suo destino e, con l'aiuto di una strega, prende in mano la sua vita. O almeno così pensa inizialmente, perché le cose ovviamente non vanno lisce come la ragazza sperava e pensava.

La trama di Brave è molto classica e narra la solita storia di una ragazza che non si accontenta di essere solo una bella principessa, ma che vuole essere anche artefice del proprio destino e delle proprie decisioni. È realizzato in maniera splendida, con animazioni come al solito bellissime e una protagonista carismatica e di carattere (e con una chioma rossa che mi ha catturato lo sguardo per i primi minuti di proiezione). Mi è sembrato molto più tradizionale di molte altre pellicole Pixar e con uno svolgimento tutto sommato prevedibile. Ci sono i soliti genitori duri, ma comprensivi, i fratellini che fanno da valvola di sfogo comica quando serve e tutto il cast di personaggi comprimari classici. Questo non vuol dire che il film non sia piacevole, con una buona, ma tutto sommato tranquilla prima ora e un'ultima mezzora molto divertente e appassionante, solo che forse Pixar ci ha abituati così bene che Brave, che è "solo" un buon film, sembra quasi deludente rispetto al passato. Il nuovo lavoro di Pixar è comunque 90 minuti di buon cinema che però difficilmente lasceranno un segno vicino a film come i vari Toy Story, Up e Wall-E.

Prima di Brave c'è stato il solito corto, intitolato La Luna stavolta. Breve, piacevole, con alcuni momenti davvero poetici e indovinati. Mi è piaciuto.
Posta un commento
cookieassistant.com