30 maggio 2011

The Crazies

Prendiamo fiato insieme per leggere il titolo italiano: La città verrà distrutta all'alba. Lo so, non è stato facile, ma ce l'abbiamo fatta.

Questo film del 2010 è un remake della pellicola omonima di Romero, che fa da produttore in questo caso, del 1973 e che io non ho mai visto. Mi dicono non fosse poi tutto 'sto granché ed è quindi un po' a sorpresa che questo nuovo The Crazies si rivela un gran bel pezzo di horror.
La storia è quella di una tranquilla cittadina rurale americana che diventa lo sfortunato teatro di una serie di bizzarri e mai visti prima casi di follia omicida, prima isolati e poi sempre più diffusi. Senza rivelare troppo della non certo originale trama, il film regalerà tensione, sbudellamenti e complotti governativi nelle giuste quantità.

Proprio perché il materiale di origine non era certo tra i lavori migliori di Romero, The Crazies sorprende per la sua ottima qualità. Il regista Eisner gira un film solido e ben ritmato e dosa con mestiere gli spaventi e la tensione, senza mai esagerare e scadere nello scontato. Il film è visivamente ben realizzato, piacevole da guardare, con un cast solido e non ha un momento sprecato o banale per tutta la sua durata. Io non sono un amante dei film horror generalmente, ma ho apprezzato tantissimo The Crazies, forse perché punta più sulla tensione e il ritmo più che sulla paura e perché gestisce in maniera eccellente la questione delle origini del virus e dell'intervento del governo per contenere l'epidemia.
Posta un commento
cookieassistant.com